‘Di terra, di mare, di cielo’: a San Vito dei Normanni focus sui cambiamenti climatici

73 Visite

Il cambiamento è sotto gli occhi di tutti. Evidente, devastante e deflagrante come solo i cambiamenti epocali possono essere. Parliamo dei cambiamenti climatici provocati – e su questo la comunità scientifica è concorde – dalle attività umane. I numeri parlano da soli: il 2019 è stato il secondo anno più caldo mai registrato, con un aumento medio della temperatura globale di circa 1,1° C rispetto all’era preindustriale, 12,85% è il tasso del calo del ghiaccio artico per decennio. Anche la concentrazione di gas serra ha raggiunto livelli record rispetto ai livelli preindustriali: l’anidride carbonica è aumentata del 147%, il metano del 259% e il protossido di azoto del 123%.

Cambiamenti che provocano inondazioni, siccità, dissesto idrogeologico, diffusione di malattie, crisi dei sistemi agricoli, crisi idrica, estinzione di alcune specie animali.

“La Cop26 è finita. Ecco un breve riassunto: Bla, bla, bla. Ma il vero lavoro continua fuori da questi saloni. E noi non ci arrenderemo mai, mai”, ha scritto su Twitter l’attivista svedese Greta Thunberg dopo la firma del “Patto di Glasgow” documento adottato da quasi 200 Paesi alla Cop26, la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del 2021. Una firma che doveva servire ad accelerare la lotta ai cambiamenti climatici e delineare le basi per il suo finanziamento futuro, ma che risulta debole a causa di un compromesso ottenuto dall’India all’ultimo minuto. 

I cambiamenti climatici saranno al centro della nuova tappa del progetto “Di Terra di Mare di Cielo”, progetto nato da un’idea della storica dell’arte Lia De Venere, realizzato dall’Associazione Culturale ETRA E.T.S. presieduta dal dott. Luciano Perrone, e promosso dalla “Teca del Mediterraneo”, la Biblioteca multimediale del Consiglio Regionale della Puglia. 

All’incontro, organizzato per il prossimo lunedì 6 dicembre 2021, a San Vito dei Normanni, nella Biblioteca comunale “Giovanni XXIII” nel Chiostro dei Domenicani in via Giuseppe Mazzini 2, a partire dalle 17.30, parteciperanno il giornalista Alessandro Farruggia, autore per Diarkos del libro “Cambiamenti climatici. Come stiamo perdendo la sfida più importante”, che dialogherà con il meteorologo Alex Guarini di RAI Meteo, e l’artista Pier Alfeo la cui opera sarà introdotta dalla direttrice artistica della manifestazione Lia De Venere.

Ad aprire la serata saranno la Presidente del Consiglio regionale pugliese Loredana Capone che consegnerà alla Biblioteca oltre 30 volumi scelti per approfondire i problemi ambientali. Con lei interverrà anche la sindaca Silvana Errico per i saluti istituzionali.

Promo