Minori maltrattati, Asl Brindisi istituisce un Centro di cura

93 Visite

Nasce anche a Brindisi il Centro Specialistico per la diagnosi e la cura del trauma interpersonale. A deciderlo è stata la Asl, in ottemperanza alle “Linee Guida regionali in materia di maltrattamento e violenza delle persone minori di eta’”, che prevedono tre differenti livelli di azione. 

Quello che ora prende vita a Brindisi è un centro di secondo livello: la sua funzione sarà quella di curare i minorenni vittime di maltrattamenti, violenze e abusi accertati dalle equipe integrate multidisciplinari territoriali (che rappresentano il primo livello); il terzo livello, che è regionale, è costituito dal GIADA, Gruppo Interdisciplinare Assistenza Donne & bambini Abusati, un centro altamente specializzato operante dal 2000 all’interno dell’ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari. 

Il Centro Specialistico di Brindisi provvederà ad ascoltare i minori che verranno segnalati; a formulare diagnosi personalizzate nei loro confronti, ma anche nei confronti delle rispettive famiglie; ad erogare consulenze per gli operatori dei servizi sociali che le richiederanno. Potrà occuparsi anche di minorenni autori di reati.

Il Centro avrà sede nell’ospedale Perrino. Abusi e maltrattamenti nei confronti dei minori in provincia di Brindisi risultano in crescita. E’ quanto emerge dai dati forniti dal centro Crisalide, servizio dell’Ambito sociale territoriale Brindisi – San Vito dei Normanni.

Nell’ultimo periodo esaminato, e cioè da gennaio a novembre 2020, i casi sono trattati sono stati 104; nel 2019 erano stati 77.

Promo