Covid, piano Regione Puglia: “Posti in più in 10 ospedali”

114 Visite

La Regione Puglia, attraverso la delibera firmata dal presidente Michele Emiliano e dal direttore di dipartimento Salute, Vito Montanaro, ha chiesto alle Asl di attivare, entro 48 ore, altri posti letto Covid di area Medica in sei ospedali: Fazzi di Lecce, Galatina, Perrino di Brindisi, Altamura, Cerignola e Ostuni. Posti che si vanno ad aggiungere a quelli gia’ attivi attualmente. Inoltre, dovranno essere riattivate anche le strutture sanitarie “Post covid” a San Cesareo, nel leccese, a Triggiano nel barese, a Torremaggiore in provincia di Foggia e nell’ospedale militare di Taranto. Per quanto riguarda le terapie intensive, invece, la strategia della Regione è di centralizzare la gestione dei pazienti per “aree vaste”: a Bari, ospedale in Fiera e Policlinico, a Lecce al Fazzi e a Foggia al Riuniti.

Inoltre, dovranno essere aumentanti i posti letto nei reparti di Ostetricia, visto l’incremento di donne in gravidanza positive al Covid; e in ogni provincia dovranno essere attivati almeno 10 posti letto per pazienti pediatrici, perché anche tra i bambini c’è un incremento di positività e ricoveri. Infine, le direzioni strategiche devono riservare posti letto chirurgici o di area medica, da dedicare a pazienti positivi al Covid ma asintomatici e ricoverati per altre patologie per evitare di occupare posti letto di area medica, dedicati esclusivamente a pazienti positivi al Covid sintomatici. Allo stato attuale i ricoveri Covid sono così distribuiti: 35% provincia di Bari; 19% provincia di Foggia; 16% provincia di Lecce; 11% provincia di Taranto; 10% provincia di Brindisi; 9% nella provincia Bat.

Promo