Brindisi, Cgil: “Piattaforma crisi occupazionale per ministro Giorgetti”

79 Visite

 “Facciamo sistema, lavoriamo sui progetti che ci uniscono ed elaboriamo subito una piattaforma Brindisi da sottoporre quanto prima al ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti”. L’appello è del segretario generale della Cgil di Brindisi, Antonio Macchia, all’indomani dell’incontro convocato dal sindaco della città capoluogo, Riccardo Rossi, sulla crisi occupazionale in atto e rivolto a sindacati e Confindustria.

“Siamo tutti d’accordo sulla convocazione di Enel per discutere del futuro della centrale di Cerano dopo lo stop di Terna alla riconversione a turbogas e per comprendere le intenzioni dell’azienda anche sugli investimenti previsti per le rinnovabili“, dice Macchia. “Tutti d’accordo sul progetto Falck Renawbles-Kailia per la costruzione di un parco eolico off shore cercando di superare criticità che rischiano di far virare la realizzazione verso Taranto e soprattutto ragionando in quell’ottica di filiera che promuova le aziende locali”, prosegue.

“Siamo d’accordo anche sui temi della tecnologia dell’idrogeno verde che porti a sviluppare oltre alla filiera di imprese anche un percorso virtuoso con università, Cittadella e centri di ricerca”, va avanti. “E ancora in tema di energia è necessario lavorare sviluppando il fotovoltaico, i progetti per il porto e sulla mobilità sviluppando l’alta capacità. Progetti su cui la Camera del lavoro insiste da tempo e solo attraverso i quali si può creare lavoro buono, occupazione stabile e duratura”, sottolinea. “Progetti su cui chiediamo anche una assunzione di responsabilità da parte di Confindustria per la creazione di posti di lavoro che non siano viziati dalla precarietà o dallo sfruttamento”, conclude Macchia.

Promo