8 Marzo: Brindisi dedica sit-in a Sara Viva Sorge, l’infermiera morta dopo due notti di lavoro consecutive

89 Visite

Sit-in a Brindisi, nel giorno della festa della donna, dedicata all’infermiera Sara Viva Sorge, morta nell’incidente stradale, lo scorso 15 febbraio, lungo la provinciale che collega San Vito dei Normanni a San Michele Salentino (Brindisi). L’infermiera, 27 anni, rientrava a casa, a San Vito dei Normanni, dopo due notti consecutive di lavoro in reparto.

«Non si può morire di lavoro, come non si può morire per la violenza degli uomini e soprattutto non deve morire il potenziale espressivo dell’animo femminile e spetta anche a noi uomini impegnarci in questo processo trasformativo», ha detto il sindaco di Brindisi, Riccardo Rossi intervenuto alla manifestazione organizzata dall’associazione Non una di meno. In mattinata, nel centro di Brindisi, in piazza Cairoli, è stata inaugurata una panchina di colore rosa, donata dall’associazione Cuore di Donna per sensibilizzare le donne alla prevenzione dei tumori femminili.

Promo