Associazione Amici della Russia sulle “armi batteriologiche in territorio ucraino”

82 Visite

Questa mattina il Ministero della Difesa Russo, attraverso il proprio portavoce, ha annunciato: «In conformità con dei documenti scoperti in zona d’operazione, che gli Stati Uniti avevano pianificato di effettuare in Ucraina, nel 2022, degli esperimenti sui patogeni di uccelli, pipistrelli e rettili, riguardo la possibilità di trasmissione della “peste suina africana” e dell’”ulcera siberiana”, attraverso gli uccelli migratori tra Russia, Ucraina e Paesi confinanti». Come ha specificato il portavoce dell’Armata Rossa, Igor Konashenkov: «i sopraddetti documenti saranno pubblicati».

Una notizia, questa, che, se confermata attraverso i documenti sopracitati, sarebbe di una gravità enorme e darebbe anche un senso alla decisione, da parte del Cremlino, di non usare mai la parola “guerra” per questo intervento armato in Ucraina, sostituendola sempre con la denominazione più rassicurante di “Operazione Speciale Antiterroristica”.

Ci è stata riferita inoltre da una nostra autorevole fonte «la ferma volontà della Federazione Russa di liberare l’Ucraina dalle “bande radicali” che avrebbero voluto sfruttare queste armi biologiche in chiave antirussa».

«Scopo precipuo dell’intervento russo», ci è stato ribadito a più riprese da parte del nostro interlocutore, «è quello di portare Kiev ad un referendum popolare per scegliere nuove istituzioni che dovranno garantire la normale ripresa della vita della gente, dell’economia di quel Paese e della convivenza sicura e pacifica con la Federazione Russa».

Questo è quanto abbiamo appreso, e, in questi tempi di informazioni e controinformazioni concitate, ci rendiamo conto che non sia facile distinguere il vero dal falso, ma siamo altresì convinti che, fortunatamente per noi, il tempo sia l’unico vero galantuomo, poiché, prima o poi, la verità trionferà.

D’altronde, in una vera democrazia, il diritto all’informazione, è senz’altro uno dei beni più preziosi da tutelare. Ci siamo sentiti dunque in dovere di comunicarlo a voi, operatori dei mass media, affinché ne facciate l’utilizzo che più ritenete opportuno.

Anche perché, proprio in virtù di quanto detto sopra, diventa ancora più evidente la nostra richiesta rivolta al nostro Paese, l’Italia, affinché abbassi i toni e lavori a testa bassa per trovare una via d’uscita diplomatica da questo conflitto.

Promo