Il fratello di Sara rompe il silenzio: «Mia sorella è morta a seguito di un colpo di sonno dovuto alle 17 ore di lavoro consecutive»

722 Visite

«Mia sorella era molto prudente, rispettava sempre i limiti di velocità, non usava mai il cellulare alla guida, e addirittura non accendeva mai la radio. Mia sorella è morta a seguito di un colpo di sonno, dopo aver lavorato per 17 ore consecutive: svolgeva la professione di infermiera da appena tre settimane, visto che aveva ottenuto la laurea da relativamente poco».

Così nel post pubblicato su Facebook, Flavio Viva Sorge, fratello di Sara Viva Sorge, l’infermiera di San Vito dei Normanni (Brindisi), morta il 15 febbraio scorso per le ferite riportate nell’incidente stradale lungo la provinciale che collega San Vito dei Normanni a San Michele Salentino (Brindisi).L’infermiera, 27 anni, stava percorrendo la strada per rientrare a casa quando la sua auto è finita contro un palo della luce al lato della carreggiata.

«Questo post ha la funzione di denuncia sociale nei confronti della situazione in cui versano medici e infermieri, affinché, nel futuro, un’altra vita o un’altra famiglia come la nostra non venga distrutta», conclude Flavio Viva Sorge.

Promo