Sanità, Zullo (Fdi): «Liste di attesa una conseguenza della carenza di medici»

76 Visite

«Le liste di attesa sono conseguenza della carenza di medici per colpa del divieto di assunzioni e della rigidità dei budget assegnati. Misure imposte dal Piano di rientro nel quale ci ha condotti il governo Vendola, realizzando di fatto in Puglia una sanità a pagamento, perché molte prestazioni vengono fruite presso medici libero-professionisti esterni al sistema sanitario o in regime di extramoenia. Al più si ricorre fuori Regione incrementando la mobilità passiva».

Lo sostiene il capogruppo regionale di Fratelli d’Italia, Ignazio Zullo.

«I dati relativi al 2019 e al 2020 – prosegue il consigliere – pubblicati nel report Agenas 2022 dimostrano come in Puglia le prestazioni in attività libero-professionale per le visite specialistiche vanno dal 2 al 9% di tutte le visite effettuate nel sistema sanitario regionale. Mentre le prestazioni di diagnostica strumentale vanno dall’1 al 10%, punta massima che si raggiunge solo nella gastroscopia».

Promo