Sanità, Pagliaro (La Puglia Domani): «in Puglia liste di attesa infinite»

66 Visite

«Attese estenuanti, oppure scorciatoie a pagamento: è questo il bivio di fronte al quale si trovano i cittadini pugliesi che hanno bisogno di una visita specialistica o di un esame diagnostico. A prescindere dalle priorità indicate in ricetta, le liste d’attesa sono ben più lunghe dei tempi massimi previsti, e allora l’alternativa è ricorrere alle vie più brevi, pagando le prestazioni in regime Alpi, che vuol dire attività libero professionale intramoenia. Una sanità a due velocità, insomma, che corre se il paziente paga e procede col freno a mano quando le prestazioni sono a carico del sistema sanitario regionale».

Lo sostiene Paolo Pagliaro, il capogruppo in Consiglio regionale de ‘La Puglia domani’, che annuncia di aver presentato una interrogazione urgente rivolta all’assessore regionale alla Sanità, Rocco Palese, per chiedere «conto di questa distorsione». «All’assessore – aggiunge – chiedo di porre fine a questa prassi inaccettabile, anche ricorrendo alle sanzioni previste dalla legge e mai applicate. E soprattutto chiedo di sapere quali provvedimenti intenda adottare per ridurre liste d’attesa che sono la vergogna della sanità pubblica pugliese e la condanna dei cittadini che si vedono negare il diritto alla salute».

Promo