Tre telefoni sequestrati nel carcere di Brindisi

96 Visite

Tre telefonini con sim e caricabatteria sono stati sequestrati nel carcere di Brindisi.

Lo rende noto il Sappe, il sindacato della polizia penitenziaria che chiede «all’amministrazione penitenziaria di contrastare l’utilizzo dei telefonini da parte dei detenuti mettendo in campo delle apparecchiature che permettono di disturbare o inibire la trasmissione o ricezione dei cellulari per renderli inutilizzabili».

«Mentre i delinquenti fanno uso di ogni mezzo, compresi anche piccoli droni pilotati dall’esterno per far entrare direttamente nelle loro stanze materiale telefoni e droga, i poliziotti non hanno nessuna arma a disposizione se non l’intelligenza e la professionalità», continua il sindacato che invita «Il ministro della Giustizia e i vertici del Dap a reintegrare al più presto l’organico di poliziotti che è carente almeno di 40 unità, nonché a consentire di poter combattere ad armi pari questa battaglia per affermare la legalità».

 

Promo