Intitolata a Gino Strada la Sala Università di Palazzo Nervegna a Brindisi

96 Visite

 Da alcuni giorni Brindisi ha la Sala Gino Strada presso Palazzo Granafei-Nervegna. 

Si è tenuta infatti nei giorni scorsi  la cerimonia di intitolazione, una proposta del presidente del Consiglio comunale Giuseppe Cellie, accolta favorevolmente dalla giunta e da Emergency.

A scoprire la targa il sindaco Riccardo Rossi insieme alla moglie di Gino Strada e responsabile della comunicazione di EMERGENCY, Simonetta Gola. 

“Ci manca Gino Strada in questo tempo in cui si parla di aumento della spesa militare, la sua voce fuori dal coro interpreta il sentire di tutte le persone. Ciò che è minoritario nel racconto dei media in realtà è la maggioranza” ha dichiarato il sindaco Rossi. 

Simonetta Gola, accompagnata dalla giornalista Lucia Portolano e dalle letture dell’attore Gino Cesaria, ha raccontato di Strada e del suo libro postumo “Un uomo alla volta”.

Ha ricordato che Gino Strada ripeteva che in guerra si perdono i diritti fondamentali, che non esiste una guerra giusta.

La sofferenza dei civili non è un effetto collaterale ma è un obiettivo per destabilizzare i popoli.

Ogni guerra non si conclude velocemente ma ha conseguenze di odio, di lutto e dolore. 

Il sindaco Rossi e il presidente Cellie hanno omaggiato Simonetta Gola con una piccola pianta di ulivo, simbolo di pace e della  terra di Puglia.

Un gesto concreto, l’intitolazione, che renderà indelebile il ricordo di questo uomo straordinario.

Promo