Parte da Taranto il primo pellegrinaggio post-pandemico dell’Unitalsi

55 Visite

Proseguono i pellegrinaggi e torna la voglia di partire e di riscoprire luoghi legati alla fede. Lourdes, la prima meta, e Fatima la seconda con Terra Santa e Loreto. L’Unitalsi, nella pianificazione del nuovo calendario delle partenze, ha programmato a partire dal mese di luglio, anche il ritorno al pellegrinaggio a Lourdes in treno.

Il primo viaggio ferroviario dopo l’interruzione per l’emergenza pandemica partirà dalla Puglia mercoledì 20 luglio dalla stazione di Taranto e sarà un pellegrinaggio della pace dal tema ‘Live for Peace’. L’Unitalsi, attraverso questo pellegrinaggio e con la collaborazione del suo partner storico Trenitalia, vuole promuovere e sensibilizzare tutta la comunità a compiere gesti concreti per aiutare il popolo dell’Ucraina, sotto attacco dal 24 febbraio 2022. Per questo, lungo il percorso in treno, nelle stazioni ferroviarie Bari, Pescara, Ancona e Rimini in cui il convoglio sosterrà più a lungo, saranno organizzati dai volontari dei flash mob con lo scopo di coinvolgere le sezioni regionali dell’Unitalsi, le autorità civili ed ecclesiali locali.

Dalla Puglia partiranno 621 soci tra ammalati, disabili e volontari, con un aereo e un treno guidati dall’arcivescovo di Trani Barletta Bisceglie mons. Lonardo D’Ascenzo, dall’assistente regionale mons. Felice Di Molfetta e dal presidente regionale Unitalsi, Vincenzo Nigro.

«Sarà un pellegrinaggio della pace, perché non vogliamo e non dobbiamo abituarci alla guerra in Ucraina, vogliamo che questa iniziativa non si riduca ad un semplice slogan, e vogliamo sensibilizzare le persone che incontreremo lungo il nostro viaggio, da Sud a Nord del Paese, a compiere gesti concreti per aiutare il popolo dell’Ucraina – ha sottolineato Nigro -. L’accoglienza e il cessate il fuoco sono i temi che canteremo lungo tutto il nostro viaggio in treno, nelle stazioni ferroviarie italiane fino alla Grotta di Lourdes».

Giunti a Lourdes, i soci vivranno il programma del pellegrinaggio che prevede la partecipazione alla Messa Internazionale e alla processione aux flambeaux e dove ci sarà spazio per l’adorazione eucaristica, la Via Crucis e le visite ai luoghi legati alla vita di santa Bernadette Soubirous. Inoltre, tra le novità introdotte quest’anno tutte le sere alle 18:30 alla Grotta di Lourdes, ci sarà la preghiera internazionale per la pace alla presenza di Padre Romaniuk, parroco della parrocchia greco-cattolica ucraina di Lourdes. Sarà questa l’occasione in cui l’Unitalsi ai piedi della Grotta, accenderà il cero della pace lanciando il suo messaggio e testimoniando il proprio sostegno e vicinanza al popolo ucraino.

Promo