Gestione Palazzetto Sport a Francavilla Fontana: botta e risposta tra ENAC e il Comune – segue link

112 Visite

Corre facile la domanda: ma la gestione del palazzetto dello sport è o sarà assegnato in modalità agli amici degli amici come dice qualcuno? Parliamone. Con nota pec del 24 ottobre scorso, il M.A.B. – coordinatore del comitato comunale di Francavilla Fontana, per nome di Antonio de Franco, ha inviato al Comune di Francavilla Fontana una nota circa le perplessità, inerente la gestione del palazzetto dello Sport. Tale missiva è stata tra le altre cose inviata all’ANAC, l’ente anticorruzione. Vogliamo vederci chiaro! E’ la richiesta contenuta nella missiva, vediamo in sintesi cosa ci dice il coordinamento dei cittadini M.A.B.:

“””” Il gestore deve pagare il canone di affitto annuo di euro 19.096,63 che fanno una rata mensile di fitto di euro 1.591,39. Il gestore riceverà un contributo annuo erogato dal Comune (per ristoro del disagio economico dovuto a: 1 – ticket gratuiti in favore di minori di anni 14 da inserire nei corsi organizzati nell’impianto 2 – giornate di utilizzo riservate all’A.C. 3 – obbligo di consentire che il sabato e la domenica siano svolte le competizioni di campionato delle società sportive francavillesi) di euro 32.748,34 per un importo mensile di euro 2.729,09. Il gestore, quindi, “guadagna” automaticamente, per contratto, la somma annua di euro 13.651,71 pari ad euro 1.157,64 mensili, per il solo fatto di tenere il Palazzetto. Il contributo è a fondo perduto non essendo previsto alcun obbligo di rendicontazione. Il gestore è totalmente irresponsabile per l’uso che fa del Palazzetto, nonostante ne goda in via esclusiva. In verità esiste un deposito cauzionale di euro 28.485,81 a garanzia della inosservanza di tutti gli obblighi contrattuali del gestore ivi compreso il mancato pagamento del canone di locazione, ma francamente ci sembra una somma risibile. Il gestore è autorizzato, anzi obbligato, per contratto a provvedere alle manutenzioni straordinarie ma la corrispondente spesa è a carico del Comune. Strano! “””””

C’è dell’altro, certo, poiché la missiva è ben nutrita di fatterelli. Tuttavia la questione non si è solo limitata alle doglianze verso il Comune; è notizia certa che l’ENAC, l’ente anticoruzione, è entrata a gamba tesa ed ha chiesto spiegazioni.

La materia ci pare interessante e per diritto di cronaca abbiamo ascoltato il dott. Lesto, segretario del comune di Francavilla, il quale in assoluto senso di rispetto delle parti ci ha fatto pervenire sia le “intimazioni” da parte dell’ENAC che le risposte del Comune. Per dovere di cronaca l’istruttoria è parte integrante di questo articolo affinché l’utenza possa disporre e valutare la questione.

“”Le risposte/delucidazioni da parte del Comune, ci pare di capire dal tenore della conversazione con il dr. Lesto, vanno nel senso che l’appalto è regolare e nessuna violazione è stata commessa (ci mancherebbe!) tuttavia ci preme far sapere, aggiunge il dr. Lesto, che al di là delle rispettive prerogative, il palazzetto dello Sport rientra nell’ambito di una decisione politica acquisita e conclusa. Il segretario comunale, infine ci tiene a stigmatizzare, che l’intera procedura di evidenza pubblica rispetta i canoni e i criteri delle norme di legge richiamate. Per noi non sussistono violazioni di sorta.””

Ci congediamo telefonicamente dal dr. Lesto e lo ringraziamo per la Sua disponibilità

Allo stato attuale non sappiamo quale provvedimenti prenderà l’ENAC, ma una cosa è certa: il palazzetto dello Sport, per il Comune di Francavilla, sarà gestito secondo la decisione politica e le direttive amministrative.

Franco Marella

VEDI LINK https://we.tl/t-Imrs9gbvV0

Promo