Grano, Sicolo (Cia Puglia): “Il 20 luglio a Roma dal ministro Lollobrigida, non ci fermiamo”

120 Visite

«Il 20 luglio saremo a Roma per incontrare Francesco Lollobrigida. Il ministro dell’Agricoltura vuole discutere con noi le nostre proposte per una ritrovata sovranità e un rilancio della cerealicoltura italiana. É il segno che la straordinaria mobilitazione di CIA Agricoltori Italiani, con oltre 50mila firme raccolte, l’adesione dell’Anci Puglia e dei comuni pugliesi, quella di diverse associazioni di consumatori, sta iniziando a smuovere qualcosa. La battaglia continua, perché il prezzo del grano duro italiano e il lassismo sui controlli delle importazioni sono un insulto per migliaia di produttori cerealicoli. Occorre redistribuire più equamente la catena del valore lungo la filiera. Il primo anello, la base del made in Italy e della filiera grano-pasta siamo noi. E siamo i più bastonati e penalizzati». A margine della manifestazione regionale che si è tenuta mercoledì 12 luglio davanti alla sede della Camera di Commercio di Foggia, luogo simbolo nella cerealicoltura e granaio d’Italia con le sue 4950 imprese cerealicole, è il presidente di CIA Puglia e vicepresidente nazionale di CIA Agricoltori Italiani, Gennaro Sicolo, ad annunciare il prossimo incontro con il ministro dell’Agricoltura Francesco Lollobrigida.

DONATO PENTASSUGLIA. A Foggia, in un giorno lavorativo e sotto un sole cocente con i suoi 40 gradi, c’era davvero tutta la Puglia: sono stati oltre 300 i cerealicoltori arrivati da ogni parte della Capitanata, ma anche da Brindisi, Lecce, Taranto, in tanti dall’area metropolitana di Bari e dalla provincia di Barletta-Andria-Trani. É intervenuto anche l’assessore regionale all’Agricoltura. Donato Pentassuglia ha parlato con i cerealicoltori, ne ha ascoltato e condiviso le ragioni, spiegando che anche la Regione Puglia intende sostenere le loro istanze sia impegnandosi direttamente sia facendosene portavoce presso Governo e Unione Europea.

ANCI, SINDACI E CONFALONI. Con delegati, sindaci e organi commissariali, alcuni presenti anche con i loro gonfaloni, hanno partecipato alla manifestazione, dando sostegno agli agricoltori, anche l’Anci Puglia e 30 comuni che hanno già deliberato (sono già 25) o stanno per farlo la propria adesione alla campagna CIA in difesa dei cerealicoltori italiani e dei diritti dei consumatori a una filiera grano-pasta autenticamente italiana, salubre, di qualità, che si attiene a standard e a modalità produttive attente alla sicurezza alimentare. Diverse anche le associazioni dei consumatori che hanno espresso ufficialmente la loro adesione.

LA CARICA DEI 500MILA. Complessivamente, considerando l’adesione dei Comuni, di diverse associazioni dei consumatori e le 50mila firme raccolte, la campagna di CIA per la difesa della filiera grano-pasta italiani è arrivata a coinvolgere e ad avere il sostegno di 500mila cittadini. Le ragioni e le richieste di questa grande mobilitazione sono chiare: stoppare le speculazioni commerciali sulla pelle dei produttori e dei consumatori; fermare chi spaccia grano estero piazzandolo come italiano; porre dei limiti all’arrivo indiscriminato sul territorio italiano di grani stranieri. Un fermo “NO” a chi non vuole riconoscere i costi minimi di produzione ai cerealicoltori e alle frodi che rovinano l’immagine di un prodotto simbolo dell’Italia. Servono, dunque, maggiori controlli sull’etichettatura;
bisogna istituire la CUN (Commissione Unica Nazionale) del grano duro per una maggiore trasparenza dei prezzi;
è necessario potenziare i contratti di filiera tra agricoltori e industria;
SI infine al Registro Telematico dei Cereali con avvio immediato.

News dal network

Promo