Crollano le banche dopo la tassa sugli extraprofitti: spazzati via 10 miliardi

111 Visite

La nuova tassa italiana sugli extra profitti delle banche coglie di sorpresa il mercato e i titoli delle quotate a Piazza Affari crollano nella prima ora di scambi, spazzando via dalla capitalizzazion di Borsa circa 10 miliardi di euro.

Bper Banca cede il 7,6%, Finecobank il 7,3%, Intesa Sanpaolo il 6,9%, Mps il 6,8%, Banco Bpm il 6,6%, Unicredit il 5,5%, Mediolanum il 3,3% e Mediobanca l’1,6 per cento. Gli analisti sottolineano che “il nuovo impatto simulato è anche superiore alla simulazione che abbiamo eseguito ad aprile” e calcolano che l’utile netto delle banche nel 2023 potrebbe essere ridotto di circa il 10 per cento. 
Le Borse europee sono tutte in calo, dopo che l’Italia ha sorpreso gli investitori con una nuova tassa sugli utili bancari. L’indice Stoxx Europe 600 è sceso dello 0,3% in avvio delle contrattazioni mentre Milano apriva in calo dello 0,5%, Parigi dello 0,67% , Londra dello 0,25% e
Francoforte dello 0,52 per cento. Ora Milano ha ampliato il ribasso all’1,5% ma è arrivata a toccare un calo del 2 per cento, mentre le banche venivano sommerse dagli ordini in vendita

   “Consideriamo questa tassa sostanzialmente negativa per le banche sia per l’impatto sul capitale e sugli utili che sul costo di equity delle azioni bancarie” commentano gli analisti di Citigroup. “Detto questo, finora le banche hanno avuto un anno forte data la rete i margini di interesse aumentano grazie ai tassi più elevati, quindi è il momento di un sano consolidamento” aggiunge però un analista di Julius Baer.

 All’apertura di oggi l’indice Ftse Mib cedeva lo 0,5% a 28.388 punti, mentre crollano i titoli delle banche dopo la tassa sugli extraprofitti bancari nei bilanci 2022 e 2023. Il prelievo del 40% scatterà se il margine di interesse registrato nel 2022 “eccede per almeno il 3%” il valore dell’esercizio 2021. Percentuale che sale al 6% confrontando il 2023 col 2022. Unicredit, Intesa non fanno prezzo con un calo teorico oltre il 6%, Bper resta fuori dagli scambi con un calo teorico di oltre il 13%, Mediobanca cede il 4,3%, Mediolanum il 3,18%. 

    La mossa a sorpresa del Governo viene subito scontata dai titoli in borsa. Affondano Bper (-11%) e Banco Bpm (-9%) ma soffrono tutte le quotate a Piazza Affari. Intesa Sanpaolo cede il 7,2%, Unicredit il 5,9%, Mps il 6,4%, Finco il 5,49%, Mediolanum il 4,9%, Mediobanca il 3,37% e Banca Generali il 2,84 per cento.

News dal network

Promo