Estate. Cani in spiaggia? da museruola a guinzaglio, ecco regole

107 Visite

Come ogni anno ci sono migliaia di bagnanti con il cane al seguito che cercano una spiaggia dove poter sostare con il proprio cane. Molto spesso, però, le ordinanze sono contrastanti tra loro e allora per tutti coloro che hanno dubbi, soprattutto a causa delle varie ordinanze, spesso in contraddizione tra loro, l’AIDAA, (Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente) ha pubblicato alcune regole piuttosto chiare al riguardo. Ecco un piccolo vademecum. – Controllare i divieti. Tutti i cani possono entrare nelle spiagge libere dove non c’è un espresso divieto e per tutti è consentito sia il passaggio sia sulla battigia che attraverso gli stabilimenti balneari. I Comuni sono obbligati a esporre appositi cartelli dove si legge espressamente l’eventuale presenza di spazi di spiaggia libera per bagnanti con cani. Q

Quando ci sono spiagge autorizzate in questo modo, non sarà possibile portare il cane altrove, mentre in caso contrario (quindi in mancanza di spiagge espressamente a loro dedicate) tutte quelle libere di quel determinato comune, saranno accessibili anche ai cani. Senza indicazione di numero di ordinanza, tutti i cartelli che vietano l’ingresso ai cani sono da considerare illegali. I cani possono sempre fare il bagno in mare, quindi, tranne nei casi di divieto ufficiale. – Portare sempre con sé guinzaglio e museruola. Il cane dovrà sempre essere al guinzaglio corto e il padrone dovrà portare con sé anche una museruola. – Gli orari per la spiaggia. Non c’è una regola, i cani possono essere portati in spiaggia sia d’inverno che d’estate. Ovviamente è sempre bene rispettare le esigenze dell’animale e le sue necessità. Meglio evitare le ore più calde in estate e quelle più fredde in inverno.

News dal network

Promo