Grano, Sicolo: “Bene la Cun, Puglia decisiva, ma la battaglia continua”

[epvc_views]

«La riattivazione della CUN, la Commissione Unica Nazionale sul prezzo del grano, è una buona notizia ed è un punto di partenza, segno che la straordinaria mobilitazione CIA di questi mesi ha cominciato a dare i suoi frutti. La Puglia è stata decisiva».

«La battaglia però continua sui contratti di filiera, i controlli nei porti sul grano importato e le misure di Granaio Italia».

Esprime una cauta soddisfazione Gennaro Sicolo, presidente CIA Puglia e vicepresidente nazionale di CIA Agricoltori Italiani, ma non molla di un centimetro sugli obiettivi ai quali l’organizzazione sta lavorando duramente da mesi con manifestazioni, sit-in, una petizione (https://chng.it/zVC8sWyT75) che ha superato le 72mila firme e ha ottenuto l’adesione di oltre 40 comuni pugliesi, oltre al sostegno di Regione Puglia, ANCI Puglia, dell’ente Provincia di Foggia e di diverse associazioni di consumatori.

APPELLO AI CONSUMATORI. «Ed è proprio a loro che continuiamo a rivolgerci», aggiunge Sicolo, «perché ai consumatori chiediamo di sostenere questa battaglia acquistando solo ed esclusivamente pasta realizzata al 100% con grano italiano».

«É importante principalmente per due motivi: il primo è che i nostri standard qualitativi e di sicurezza alimentare non hanno eguali al mondo; il secondo è che così facendo contribuiremo tutti a dare un futuro alla cerealicoltura italiana, un settore che ha un’enorme importanza e valenza non solo dal punto di vista produttivo, economico e occupazionale, ma anche dal punto di vista sociale e culturale. Il grano è la nostra storia, la nostra identità, il nostro paesaggio. Dobbiamo tutelare il grano italiano. Lo ripeto: ai consumatori chiediamo di leggere bene le etichette e di acquistare e consumare esclusivamente pasta realizzata al 100% con grano italiano. La sovranità alimentare si difende innanzitutto a partire dalle nostre scelte consapevoli al supermercato».

LA PETIZIONE. «La nostra petizione nazionale (https://chng.it/zVC8sWyT75) ha superato le 72mila firme. Esortiamo i cittadini a firmare questa petizione, arriviamo a 100mila firme per dare forza alla piattaforma di misure che assicurino trasparenza sui mercati, tracciabilità vera e puntuale della provenienza e la sicurezza alimentare del grano utilizzato per produrre la pasta. L’attivazione della CUN dimostra che lottare tutti insieme e non mollare di un centimetro porta risultati. E allora firmate la petizione, non molliamo, perché la battaglia è lunga ma dobbiamo continuare a combatterla per la salute e il futuro dei nostri figli, l’avvenire della nostra agricoltura, la nostra sovranità alimentare».

News dal network

Promo