Corruzione, Bellomo (Lega): “ennesimo ciclone giudiziario in Puglia”

84 Visite

«L’ennesimo ciclone giudiziario che ha investito la Regione Puglia, coinvolgendo anche il direttore dell’Agenzia Strategica per lo Sviluppo Ecosostenibile del Territorio, rappresenta un vero e proprio fallimento politico della sinistra di governo. Al di là delle responsabilità, che saranno accertate nelle sedi competenti, credo che la lunga catena di casi di corruzione, che hanno minato in questi anni la credibilità delle scelte operate dal presidente Emiliano e dalla sua squadra, meriti una riflessione che vada oltre le conseguenze penali. Non si tratta di fare il grillino, anche perché quei pentastellati pronti a stigmatizzare duramente quanto accaduto in Puglia sono gli stessi che fanno parte del governo regionale. Dove si trovavano quando determinate scelte venivano fatte? Dormivano? E’ accaduto tutto a loro insaputa o quelle valutazioni, che ora censurano, avevano avuto il loro avallo politico? Ci saremmo aspettati un mea culpa da parte del Movimento Cinque Stelle. Dovrebbero autoaccusarsi e non cambiare le carte in tavola. Tuttavia, voglio venire loro in soccorso. La norma ‘spazza-disonesti’ in Consiglio regionale già esiste. E’ quella presentata un anno fa dalla Lega e prevede tassativamente requisiti di professionalità, onorabilità ed autonomia nelle nomine dei soggetti che svolgono funzioni di direzione, amministrazione e controllo presso Consorzi, Agenzie, Fondazioni e società partecipate della Regione Puglia. Questi sono i fatti. Il resto sono chiacchiere di chi doveva aprire il Parlamento come una scatoletta di tonno e si è ridotto a fare il pesce in barile». Lo dichiara il deputato della Lega, Davide Bellomo, componente della Commissione Giustizia della Camera.

News dal network

Promo