Vitalizio, Ventola a Galante: “Peccato che in Commissione hai votato a favore, poi ti sei sottomesso ai diktat del potere”

94 Visite

Nota del capogruppo di Fratelli d’Italia Francesco Ventola:

«Peccato che il capogruppo del M5S, Marco Galante, abbia cambiato idea in soli due giorni, dopo aver votato convintamente e senza esitazione l’emendamento all’interno della prima commissione lunedì scorso, tanto da incartarlo all’interno della legge di bilancio all’articolo 53. Cos’è cambiato da lunedì a mercoledì? Probabilmente il Movimento 5 Stelle si è dovuto piegare al diktat venuto dal loro nuovo padrone, che ha imposto a tutta la maggioranza di respingere un emendamento che aboliva il vitalizio per chi aveva usufruito dell’indulto per scontare la propria pena.

Ci piacerebbe sapere cosa pensa di questa storia il suo presidente di partito  Conte, di questa spiccata voglia di garantismo dei ciqnue stelle pugliesi per una norma che puntava solo a togliere un privilegio a soggetti a cui sono stati accertati reati contro la pubblica amministrazione e avevano utilizzato l’indulto per non scontare la pena. In pratica a chi ha rubato ed è riuscito a salvarsi solo attraverso un salvacondotto giudiziario. Non si può essere per la legalità a corrente alternata, oppure a convenienza, o quando fa comodo per garantire la maggioranza di governo e gli accordi sulla legge di bilancio.

Ora buttarla in caciara chiedendo di presentare un nuovo emendamento per annullare tutti i vitalizi sarebbe sbagliato e andrebbe questo sì nella direzione non garantista illustrata in Aula per difendere l’indifendibile. L’obiettivo era quello di eliminare un beneficio, non un diritto, ma un privilegio a tutti coloro la cui colpevolezza è stata accertata, ma non sono stati condannati solo per aver usufruito dell’indulto».

News dal network

Promo