Gdf Brindisi: sequestrati “botti” di fine anno. Arrestato un soggetto

67 Visite

Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Brindisi, nell’ambito dei controlli volti a prevenire il commercio e detenzione di prodotti pirotecnici pericolosi per la salute dei consumatori, hanno rinvenuto quasi 100 kg. di fuochi d’artificio custoditi, in parte, nell’abitazione (sita in un edificio ad alta densità abitativa) e, in parte, in altri luoghi nella disponibilità di un cittadino residente nella provincia di Brindisi.

Le attività svolte dai militari della Compagnia di Francavilla Fontana, attraverso tecniche di osservazione, controllo e pedinamento ed un’attenta analisi delle piattaforme social utilizzate per la vendita di tali prodotti, hanno fatto emergere che il detentore della merce, costituita in alcuni casi anche da prodotti privi di marcatura CE e di classificazione Ministeriale italiana, non aveva la licenza per la vendita e non disponeva di un locale idoneo al deposito, così come previsto dalla normativa vigente.

Al termine delle operazioni, il materiale rinvenuto è stato sottoposto a sequestro ed il possessore è stato tratto in arresto e segnalato alla Procura della Repubblica di Brindisi, per detenzione, fabbricazione, commercio abusivo ed omessa denuncia all’Autorità di materiale esplodente.

La responsabilità dell’indagato, tuttavia, sarà accertata solo all’esito del giudizio con sentenza penale irrevocabile. Nei confronti dello stesso vige, infatti, la presunzione di innocenza che l’articolo 27 della Costituzione garantisce ai cittadini fino a sentenza definitiva.

Nel corso dell’intervento sono stati altresì ritrovati, all’interno dell’abitazione, 16 pacchetti di sigarette di contrabbando e 18 sigarette elettroniche usa e getta, privi del contrassegno dei Monopoli di Stato. Il soggetto, pertanto, è stato anche segnalato, in via amministrativa, all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Bari per contrabbando.

L’operazione condotta dai Finanzieri sottolinea la costante attenzione rivolta dalla Guardia di Finanza alla tutela della salute e della sicurezza dei consumatori nonché alla prevenzione di comportamenti non in linea con le normative vigenti e quindi suscettibili di ripercussioni per l’ordine e la sicurezza pubblica e l’incolumità degli operatori di settore, degli utilizzatori finali e dell’intera collettività.

News dal network

Promo