Brindisi: fortino droga protetto da telecamere, un arresto e una denuncia

58 Visite

Un fortino della droga protetto da telecamere era stato allestito da una coppia di giovanissimi a Francavilla Fontana, in provincia di Brindisi. Lui, un 18enne, è stato arrestato dai carabinieri mentre la compagna, 20 anni, entrambi del luogo, è stata denunciata in stato di libertà. Devono rispondere di detenzione illecita di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio in concorso. In particolare, il giovane è stato sorpreso alla guida di un’auto di grossa cilindrata che, in considerazione della patente appena conseguita, non poteva condurre come previsto dalle norme del Codice della Strada. L’atteggiamento assunto dal 18enne, che ha palesato segnali di nervosismo, ha insospettito i carabinieri che hanno ritenuto opportuno approfondire il controllo nella sua abitazione. Infatti, la porta d’ingresso dell’appartamento, in un complesso condominiale, è risultata blindata e dotata di inferriata metallica. Nel corso della perquisizione domiciliare, in più punti dell’abitazione, sono stati trovati 118 grammi di cocaina, suddivisi in 2 confezioni sottovuoto e ulteriori 18 dosi; 427 grammi hashish, suddivisi in 4 ‘panetti’ di vario peso, nonché ulteriori 58 dosi; 43 grammi di marijuana, suddivisi in 34 dosi; la somma contante di 9.090 euro; vario materiale per il confezionamento; 2 bilancini elettronici di precisione funzionanti.

Parte delle sostanze erano state nascoste sotto la culla del figlio della coppia, confezionate e già suddivise in dosi. Un’altra parte era stata sistemata all’interno di un frigorifero in disuso all’ultimo piano del condominio, a fianco alla porta di accesso al lastrico solare. Un’area che i due monitoravano tramite una telecamera collegata ad un monitor presente nell’appartamento. La coppia, infatti, aveva predisposto all’interno della casa un sistema di video sorveglianza per monitorare gli accessi e per eludere eventuali controlli delle Forze di Polizia. In considerazione delle varie tipologie di sostanze stupefacenti rinvenute nella disponibilità della coppia, tenuto conto, tra l’altro, del possesso di bilancini di precisione e di materiale per il confezionamento, è apparso evidente che le stesse fossero destinate allo spaccio. A suffragare tale ipotesi, la somma contante di oltre 9000 euro in banconote di vario taglio trovata in possesso del giovane, da ritenersi il provento dell’attività di spaccio. Il 18enne si trova ora in carcere a Brindisi.

News dal network

Promo