Protesta trattori, oltre 50 mezzi in presidio nel Brindisino

77 Visite

 Un presidio permanente con oltre cinquanta trattori da questa mattina sta protestando in Largo Machiavelli a Carovigno, in provincia di Brindisi, unendosi alla mobilitazione in corso degli agricoltori in tante realtà italiane.

«Ci stanno togliendo la dignità. Ma questa volta non ci fermeremo” puntualizza la delegazione. Cartelli e slogan contro le politiche comunitarie che sostengono gli imprenditori “porteranno alla chiusura di molte aziende. E tanti saranno i posti di lavoro a rischio». Riforma della Pac, costi di produzione, calamità e fitopatie, concorrenza sleale e burocrazia: questi i temi rilanciati durante il presidio a cui ha partecipato anche il sindaco dello stesso comune, Massimo Lanzilotti.

«Un comitato spontaneo – spiega il primo cittadino – che decide in maniera pacifica di presidiare questa piazza per manifestare tutta la propria insofferenza verso delle politiche europee, e del governo nazionale, va sostenuto con forza da parte della politica soprattutto quella locale. Ci troviamo di fronte a delle richieste che provengono dal basso ma che sono purtroppo poco ascoltate».

Il governo, secondo il sindaco, «nel decreto Milleproroghe deve abolire l’Irpef agricola e ragionare per trovare le coperture per detassare il gasolio agricolo». Territorio, quello dell’Alto Salento, alle prese da anni con l’emergenza xylella, e quindi ad un forte calo della produzione a causa di un batterio che anche in quest’area della Puglia ha già provocato l’abbattimento di migliaia di piante. «Ho già chiesto un’audizione al ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali per questo tema, che va affrontata come un’emergenza nazionale – conclude Lanzilotti – e non come un territorio isolato a sé stesso. Perché a rischio è il futuro immeditato di numerose aziende».

News dal network

Promo