Sindaco arrestato a Erchie, chiuse le indagini: spunta anche il nome di un noto sociologo

[epvc_views]

La procura della Repubblica di Brindisi ha chiuso le indagini preliminari che hanno portato all’arresto, tra gli altri, anche del sindaco di Erchie. Stando a quanto si apprende, nell’elenco degli indagati compare ora anche il nome del direttore artistico di di una cooperativa con due nuove ipotesi:concussione ed otto indagati. Le indagini contestano attualmente più episodi di ingerenza della politica nelle competenze esclusive dei dirigenti. Tutti i soggetti coinvolti sono colpiti dalle misure cautelari eseguite il 9 gennaio dai carabinieri della compagnia di Francavilla Fontana e confermate la settimana scorsa dal Tribunale del Riesame.

Secondo l’accusa, gli indagati avrebbero costretto un dirigente comunale dell’area Affari istituzionali, Servizi Sociali e Servizi alla Persona, a consentire alla cooperativa ed ad una libreria di ottenere un tornaconto con l’acquisto dei libri editi dalla casa editrice di Radici Future. Attorno alla stessa cooperativa ruota l’altra ipotesi di concussione, contestata ancora all’assessora ed anche al sindaco nei confronti dei quali è contestato loro di avere minacciato, anche di demansionamento, il segretario comunale per farle affidare a Radici Future la gestione della biblioteca comunale. Le indagini, lo ricordiamo, avevano causato prima le dimissione di un assessore di 81 anni (indagato anche per violenza sessuale), poi del sindaco di 69 anni ed infine di un’assessora di 40 anni..

News dal network

Promo