Regione-Gal, al via la strategia per lo sviluppo locale

54 Visite

Entra nel vivo l’attesa fase di attuazione delle Strategia di sviluppo locale dei primi 21 Gruppi di azione locale della Puglia (Gal), ammessi a finanziamento con il Complemento per lo Sviluppo Rurale (Csr) del Piano strategico nazionale della Pac 2023-2027 per la Puglia (Csr 2023-2027). Con la sottoscrizione delle convenzioni da parte dei Gal e della Regione Puglia, nella sede dell’assessorato regionale all’Agricoltura, prendono ufficialmente il via le azioni e gli interventi con i quali ciascun raggruppamento di partner pubblici e privati, con una dotazione complessiva di 5,5 milioni di euro, contribuirà a migliorare i territori rurali, implementare servizi per le comunità, diversificare attività agricole dando impulso alle economie locali, secondo i principi di sostenibilità sociale, economica e ambientale. Alla sottoscrizione delle convenzioni hanno preso parte, insieme ai rappresentanti dei Gal, l’assessore all’Agricoltura della Regione Puglia, Donato Pentassuglia, il direttore e Autorità di gestione Regionale del Csr, Gianluca Nardone, e il consigliere regionale e presidente della IV commissione consiliare, Francesco Paolicelli.

Per l’assessore Pentassuglia «ai Gal, quali vere e proprie agenzie di sviluppo locale, è demandato il tema di pianificare e programmare le attività dal basso, con un approccio di piena condivisione, e avere, anche rispetto alle esperienze pregresse, una visione strategica del futuro non tenendo fuori nessuno, piuttosto con una politica virtuosa di inclusione nell’ambito delle diverse azioni, riguardanti la tutela e la valorizzazione delle produzioni agroalimentari, la crescita, il territorio, la sostenibilità ambientale e quella economica per un avanzamento anche culturale di tutto il territorio pugliese».

«Un altro importante risultato – ha dichiarato il consigliere regionale e presidente della IV commissione consiliare, Francesco Paolicelli è stato raggiunto con la firma della convenzione tra assessorato all’Agricoltura e i Gruppi di azione locale dell’intera regione. Adesso è importante spendere le risorse ricevute nel miglior modo possibile per rendere la nostra Puglia sempre più apprezzata per la propria terra, mare e prodotti enogastronomici tipici».

News dal network

Promo