Garante dei Minori. Al via DeMap, un sito internet che promuove la via dei giovani alla cittadinanza attiva

66 Visite

Incontrarsi per la via, nei luoghi dell’aggregazione giovanile e percorrere assieme una strada che conduce all’autocoscienza ed alla riappropriazione della città, conquistando i valori di “cura” e cittadinanza attiva: questi, in sintesi, gli obiettivi del progetto “DEMap”, un viaggio in controluce promosso dal Garante regionale dei diritti dei minori. L’inedito lavoro sperimentale è fotografato in un sito internet (http://progettodemap.it) e percorso con entusiasmo da giovani pugliesi compresi tra 14 e 21 anni.

«Questo progetto – è il commento del Garante, Ludovico Abbaticchio è iniziato nel 2022 e consente, conoscendo meglio tutti i motivi ed i luoghi di aggregazione dei giovani, di promuovere l’istituto della partecipazione attiva, proprio a vantaggio della loro età. Ne è nata una rete solida che ha avuto il sostegno di stakeholders come Save the children ed Anci Puglia. Il risultato emerso è un’accurata mappatura che ci permette oggi di capire meglio l’universo giovanile, a vantaggio della sua salute e del suo benessere, mettendo in luce e valorizzando le energie dei minori e dei giovani adulti”.

Nel corso dell’incontro di presentazione, a cui ha preso parte anche Fabio Gelao, presidente della cooperativa “Progetto città”, promotrice dell’attività, sono stati offerti spunti di riflessione su di un intervento che ha letteralmente scandagliato le tendenze attuali nella popolazione più giovane, attraverso un esperimento che ha condotto i partecipanti “da Parco 2 giugno a parco Rossani”, ovvero da luogo tradizionalmente accettato come punto di incontro, ad ambito di aggregazione completamente inedito.

I giovani partecipanti, che si sono ritrovati sulla base di contatti diffusi in rete, generando a loro volta reti di associazione e soggetti a vario titolo d’interesse, hanno percorso materialmente una strada seguendo una voce guida di un podcast, implementando il cammino con messaggi positivi, come la difesa dell’ambiente, la solidarietà e la cura di persone e di animali.

«Tra le password più significative – ha concluso Davide Vallarelli, tra gli artefici del progetto – nel glossario citato dai ragazzi, che sarà presto caricato nel sito, spicca la parola ‘associazione’, alla quale è stato associato un significato davvero sorprendente. Perché è stato inteso come il luogo in cui qualcuno ti passa la palla. Lascia ben sperare in un futuro ricco di contenuti, ma soprattutto solidale”.

News dal network

Promo