Regione Puglia, un gruppo di studio per l’Autonomia differenziata

63 Visite

La Giunta regionale ha ratificato l’istituzione del Gruppo per lo studio dell’Autonomia Differenziata. Scelta determinata dal fatto che è in corso, da non pochi mesi,  a livello nazionale il processo legislativo e amministrativo per l’attuazione dell’articolo  n. 116 comma 3 della Costituzione: contempla la possibilità di mettere in opera forme e condizioni particolari di autonomia alle Regioni a statuto ordinario(regionalismo differenziato o regionalismo asimmetrico),  in quanto consente ad alcune Regioni di vedersi attribuite competenze diverse dalle altre.

Un percorso legislativo e politico che può “ riverberare effetti sulle competenze costituzionalmente attribuite alla Regione e generare effetti sulla sostenibilità del suo equilibrio economico-finanziario e sulle sue specificità istituzionali”.

Pertanto la Regione Puglia costituisce presso la Presidenza della Giunta un Gruppo per lo studio dell’autonomia differenziata ex art. 116 comma 3 della Costituzione, formato da esperti interni e esterni con elevate professionalità, presieduto dal presidente della Giunta regionale e coadiuvato dall’Avvocato coordinatore dell’Avvocatura regionale.

Gli esperti sono stati individuati “intuitu personae” dal presidente della Giunta pugliese nei due magistrati amministrativi : Consigliere Claudia Lattanzi, attualmente in servizio presso Tar del Lazio la quale per anni è stata in servizio presso Tar Puglia sede di Lecce, e Consigliere Silvia Piemonte attualmente in servizio presso Tar del Lazio e già Segretario generale della Giunta regionale; nel magistrato della Corte dei Conti Pierpaolo Grasso attualmente in servizio presso Corte dei Conti di Milano il quale ha prestato per anni attività presso sede della Corte dei Conti di Bari; nei Professori: Cosimo Pietro Guarini Ordinario di Istituzioni di Diritto Pubblico  presso Dipartimento di Economia e Finanza dell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro” e Vito Rocco Peragine Ordinario di Economia Politica presso Dipartimento Economia e Finanza dell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”, attualmente componenti del Nucleo di Valutazione e Verifica degli investimenti Pubblici della Regione Puglia.
Il compenso per ciascuno dei componenti esterni del Gruppo per lo  studio sull’Autonomia Differenziata stabilito in euro 20.000,00/annui, al lordo delle ritenute fiscali.

Nino Sangerardi

News dal network

Promo