Opere De Nittis alla mostra “G7: sette secoli di arte italiana”

37 Visite

Ci saranno anche opere dell’artista pugliese Giuseppe De Nittis (1846-1884) nella mostra “G7: Sette secoli di arte italiana” in allestimento nel Castello normanno-svevo di Mesagne, in provincia di Brindisi, e che sarà aperta dal 13 giugno al 30 novembre prossimi.

    L’esposizione di sculture e quadri, organizzata in occasione del vertice mondiale che sarà ospitato in provincia di Brindisi dal 13 al 15 giugno prossimi a Borgo Egnazia, è promossa dalla Rete di impresa Puglia Micexperience.

La rassegna, come spiegano gli organizzatori, darà “ad un pubblico vastissimo e variegato la possibilità di percorrere con efficacia e dovizia di analisi 7 secoli di arte italiana”.

E diverse saranno le testimonianze pugliesi.

   «Il percorso cronologico si apre con la scuola di Nicola Pisano – che secondo numerosi studiosi nacque in Puglia agli inizi del XIII secolo – e si conclude – viene evidenziato – con l’esperienza artistica Pino Pascali (1935-1968), al quale la Fondazione Prada sta dedicando a Milano, in queste settimane, una retrospettiva, ma anche perché diverse istituzioni pugliesi hanno aderito all’iniziativa di Puglia Micexperience, consentendo l’esposizione di opere d’arte della loro collezione».

    È il caso della Galleria Nazionale della Puglia ‘Girolamo e Rosaria Devanna’ di Bitonto, della Pinacoteca ‘Giuseppe De Nittis’ di Barletta. Dalla raccolta Devanna, che comprende 354 opere tra dipinti, disegni e bozzetti databili dal XVI secolo al XX secolo, saranno in mostra a Mesagne il ‘Ritratto di Gentiluomo’ di Tiziano Vecellio (1488/1490 – 1576) e il Commiato del Cristo dalla Madre di Giovanni Lanfranco (1582 – Roma 1647).

    Dalla Pinacoteca Giuseppe De Nittis di Barletta giungeranno il Busto di donna e Dans le monde dell’artista barlettano.

    L’organizzazione della mostra, fa sapere, che intende “studiare in maniera più approfondita il Ritratto di Gentiluomo di Tiziano della raccolta Devanna”. (ansa)

News dal network

Promo