Puglia: FdI, “è Emiliano a fare guerre, legge impugnata dopo parere Antitrust”

31 Visite

«Le uniche dichiarazioni di guerra sono quelle di Emiliano e le fa fin dal suo insediamento alla presidenza della Regione Puglia. Ha iniziato a farle contro il governo Renzi e contro il ministro Calenda, figuriamoci se perda la vena polemica con il governo Meloni. La sua smisurata prosopopea è scaduta in una smisurata mancanza di credibilità”.

Lo ha dichiarato il senatore di Fratelli d’Italia, Ignazio Zullo, commentando lo scontro istituzionale che si è venuto a creare sull’impugnativa della legge del servizio idrico integrato da parte del Consiglio dei ministri.

«Chiamare addirittura in causa il governo Meloni è quanto meno da principianti – ha spiegato – infatti non è il governo ad avanzare profili di incostituzionalità ma l’Autorità garante della concorrenza del mercato che ha trasmesso il proprio parere al governo Meloni e per conoscenza anche alla Regione Puglia. E’ sulla base di questo parere che il governo è pronto a impugnare la norma davanti alla Corte Costituzionale».

Sotto la lente di ingrandimento è finita la norma sulla cosiddetta ‘società veicolo’, nella quale dovrebbero confluire le quote dei Comuni pugliesi. Secondo l’Antitrust, ha detto ancora Zullo, «non ci può essere un affidamento diretto ma si deve fare una gara alla quale non è esclusa la possibilità di partecipazione di una società pubblica. La conclusione dell’Autorità è che la legge pugliese presenti ‘profili di incostituzionalità’, oltre a porsi in contrasto con la normativa primaria posta a presidio della concorrenza”. Pertanto, secondo Zullo ”non è questione di acqua pubblica o privata ma di gestione».

News dal network

Promo