G7, sindaco Fasano: ‘i nostri ulivi possano ispirare la pace’

[epvc_views]

«Anome di tutti i miei concittadini, vi auguro il più cordiale benvenuto a Fasano, in particolare al Santo Padre, papa Francesco. Le nostre braccia, da sempre aperte a tutto il mondo, vi facciano sentire davvero il calore di noi fasanesi. Siamo più che orgogliosi e a voi grati per esservi riuniti qui, ma abbiamo soprattutto speranza che questi giorni a Fasano siano decisivi per tutta l’umanità. Tutti noi, infatti, speriamo che gli ulivi che in questi giorni vi circondano, con i quali i nostri avi hanno ornato e fecondato la nostra terra di passaggio e di incontro, vi ispirino alla pacehttps://it.wikipedia.org/wiki/Virgolette.

Lo scrive in una lettera indirizzata ai leader mondiali che presenzieranno al G7, ed al pontefice, il sindaco di Fasano Francesco Zaccaria, alla vigilia del vertice in programma da domani fino a sabato 15 giugno a Borgo Egnazia.

«I popoli di tutto il mondo – aggiunge il primo cittadino – si aspettano che il seme della pace venga piantato proprio in questi giorni di confronto: lontani da individualismi, da egoismi, ispirati dall’alta parola di sua santità. Nel nome supremo della pace fra i popoli, siate i benvenuti a casa nostra». (Fonte: Ansa)

News dal network

Promo