Farmaci: Gemmato, ‘contro furti e riciclaggio entro estate dati europei condivisi’

[epvc_views]

Per contrastare il fenomeno dei furti dei farmaci, del loro riciclaggio e delle relative conseguenze sulla disponibilità per i pazienti, “entro l’estate” sarà attiva “una piattaforma intelligente” che “consentirà la condivisione e l’analisi dei dati sui casi registrati a livello europeo”, frutto di iniziative europee di cui è promotrice l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa). E’, in sintesi, quanto annunciato dal sottosegretario alla Salute, Marcello Gemmato, rispondendo a un’interrogazione – in Commissione Affari sociali della Camera – sulle azioni previste per garantire la sicurezza delle farmacie distrettuali e ospedaliere rispetto alla sottrazione di medicinali che rappresenta, oltre che un danno economico, anche un rischio per la sicurezza dei pazienti.

Il Governo “si sta impegnando su vari fronti al fine di individuare possibili soluzioni che concretamente possano garantire l’effettiva messa in sicurezza delle farmacie ospedaliere”, ha aggiunto Gemmato. Inoltre “l’Aifa è promotrice, ad oggi, di tre progetti europei per il contrasto al crimine farmaceutico, incluso il fenomeno del furto e riciclaggio di farmaci, di cui l’ultimo Medi-Theft– Data sharing and Investigative Platform against Organised Thefts of Medicines, coordinato da Aifa e avviato ufficialmente nel novembre 2021”.

Il progetto “ha avuto come obiettivo prioritario quello di contrastare il furto e il riciclaggio di medicinali, attraverso la progettazione e realizzazione di una piattaforma dedicata (intelligence based platform) che consentirà la condivisione e l’analisi dei dati sui casi di furto e riciclaggio di medicinali registrati a livello europeo”. La piattaforma, “che sarà attivata entro l’estate, assorbirà il database dei furti registrati in Europa”. Sempre sulla piattaforma sono stati già proposti “due eventi formativi/promozionali dedicati” nel quadro “del Wgeo (Working Group of Enforcement Officers) dove si riuniscono le amministrazioni che si occupano di contrasto al crimine farmaceutico. Sul piano internazionale, inoltre, l’Aifa partecipa da diversi anni a gruppi di lavoro che si occupano di crimine farmaceutico e furti di medicinali”.

Inoltre, “l’Aifa continua a dedicare particolare attenzione al fenomeno dei furti e smarrimenti di medicinali, anche attraverso la tempestiva ricezione di informazioni su eventi registrati a livello nazionale e internazionale, l’aggiornamento delle banche dati, l’informazione agli stakeholder e a tutti gli operatori del settore a cui i prodotti oggetto di furto potrebbero essere offerti, anche mediante la diffusione di specifici alert nella rete italiana ed europea, e l’analisi dei dati raccolti attraverso pubblicazioni specifiche volte a indagare le caratteristiche e l’evoluzione del fenomeno”.

Infine l’Agenzia, “in collaborazione con la Società italiana di farmacia ospedaliera e dei servizi farmaceutici delle aziende sanitarie (Sifo), sta promuovendo l’elaborazione di una linea guida per la prevenzione dei furti e la messa in sicurezza delle farmacie ospedaliere, coinvolgendo gli esperti dell’apposito Tavolo tecnico per il contrasto ai furti (Ttf), e che sarà pronta in tempi brevi”. (foto: Ansa)

News dal network

Promo