Caporalato: Giuseppe Tiani (Siap): Bracciante morto a Latina fatto orribile, pratica indegna che va estirpata

[epvc_views]

Quanto accaduto a Satnam Singh, 31enne abbandonato davanti alla sua casa e deceduto a seguito delle gravi conseguenze dell’incidente sul lavoro in un’azienda agricola a Latina, è orribile ed è la plastica dimostrazione della drammaticità del caporalato.

È necessaria una forte azione sinergica da parte delle forze di polizia, delle imprese e della pubblica amministrazione per garantire da un lato condizioni adeguate di lavoro in sicurezza e dall’altro la manodopera della quale le imprese necessitano.

Il caporalato e lo sfruttamento di lavoratori clandestini sottopagati è uno degli aspetti di quell’economia malata che ormai interessa tutta Italia, e deve essere combattuta senza quartiere. Necessaria la collaborazione tra forze di polizia, imprenditoria, centri per l’impiego locali.

Gli imprenditori devono poter assumere con facilità la manodopera della quale hanno bisogno, anche per brevi periodi, parallelamente non deve essere consentito uno sfruttamento criminale di lavoratori extracomunitari che implica condizioni disumane di lavoro e concorrenza sleale nei confronti dei braccianti italiani”.

News dal network

Promo