Brindisi: ragazza precipitata in vano ascensore, locali e impianto sotto sequestro

[epvc_views]

Su disposizione della Procura di Brindisi, i Carabinieri hanno sottoposto a sequestro penale i locali e l’impianto ascensore della palazzina ex Iacp (oggi Arca Nord Salento) a Fasano, tra via Saragat e via Piave, dove stamattina è stata trovata senza vita Clelia Ditano, 25 anni. Ancora da accertare con precisione il momento del decesso che è avvenuto nella notte.

Sul posto sono intervenuti anche gli ispettori della Asl di Brindisi, servizio di prevenzione e sicurezza degli ambienti di lavoro (Spesal), ma si è verificato che non è di loro competenza perché non ci sono lavori nell’edificio né manutenzioni. I carabinieri stanno accertando la dinamica. A dare l’allarme sono stati i genitori che intorno alle 6 hanno tentato di chiamare la figlia, che non era in casa, e hanno sentito lo squillo del cellulare provenire dal vano ascensore. Così è avvenuta la tragica scoperta.

La ragazza viveva in un appartamento al quarto piano, dove la porta del vano sarebbe stata trovata semi-aperta, ed è precipitata nel vuoto, per oltre dieci metri, cadendo sull’ascensore che invece era fermo ai piani sottostanti. (foto: Il Fatto Quotidiano)

News dal network

Promo