Arte, mostra G7 di Mesagne celebra nascita Artemisia Gentileschi

[epvc_views]

In occasione del 431esimo anniversario della nascita di Artemisia Gentileschi, la mostra “G7: sette secoli di arte italiana” a Mesagne dedica un’attenzione particolare alla pittrice caravaggesca. Domenica 7 luglio, due visite guidate (alle 19:00 e alle 20:30) all’interno del castello di Mesagne saranno dedicate all’opera di Gentileschi, con un focus sulla sua “Giuditta e l’ancella con la testa di Oloferne”, in mostra a Mesagne grazie al prestito della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni.

La “Giuditta e l’ancella con la testa di Oloferne” di Artemisia Gentileschi è un’opera iconica che rappresenta la vicenda biblica di Giuditta, un’eroina che decapita il generale nemico Oloferne per salvare il suo popolo. L’opera di Gentileschi si distingue per la sua intensità drammatica e la rappresentazione realistica della violenza, elementi che rispecchiano lo stile caravaggesco.

Artemisia Gentileschi è considerata una delle più grandi pittrici del Seicento italiano. La sua opera è caratterizzata da una forte personalità e da una profonda introspezione psicologica. Gentileschi ha spesso dipinto soggetti femminili forti e indipendenti, sfidando i ruoli di genere del suo tempo.

La mostra “G7: sette secoli di arte italiana” è un’occasione unica per ammirare opere d’arte di alcuni dei più grandi maestri italiani, da Giotto a Caravaggio, fino ai protagonisti dell’arte contemporanea. La mostra resterà aperta al pubblico fino al 30 novembre 2024

News dal network

Promo